Pasta alla trapanese

La pasta alla trapanese prende il nome dal famoso e delizioso pesto alla trapanese, condimento di questa saporita ricetta. L’origine del pesto alla trapanese è antica e risale a quando le navi genovesi attraccavano al porto di Trapani e i marinai portavano con se la tradizione dei pesti a base di basilico, olio di oliva, noci e aglio. A Trapani l’hanno poi personalizzato partendo dall’aglio rosso trapanese, prodotto tipico e aimè anche un po’ difficile da trovare, sostituendo le noci con le ottime mandorle siciliane. Per questa ricetta occorrono i pomodori perini ma se non li trovate, potete utilizzare altri facendovi consigliare dal vostro fruttivendolo. La mia versione della pasta alla trapanese non sarà come quella originale, anche perché non ho utilizzato le classiche busiate, ma è ottima lo stesso! Anzi, con gli ELICOIDALI LE GEMME DE VESUVIO del Pastificio Grania Srl ho ottenuto il risultato che volevo. Una pasta perfettamente al dente che trattiene un condimento così rustico e saporito. Spero che questa mia versione piaccia tanto anche a voi.

AuthorVirginia FamiliariCategoryDifficultyBeginner

Yields1 Serving
Prep Time20 minsCook Time10 minsTotal Time30 mins

Ingredienti per 4 persone:
 400 g di Elicoidali Le Gemme del Vesuvio
 350 g di pomodorini dolci
 1 spicchio d'aglio (anche di più se gradite)
 80 g di mandorle
 un abbondante cucchiaio di pecorino grattugiato
 4 cucchiai di Extra Vergine di Oliva
 sale e pepe q.b.
 basilico fresco a volontà
Procedimento:

1

2

3

Dopo aver sciacquato i pomodorini, incidete il fondo a croce, in modo che sarà più facile eliminare la buccia. Fate sbollentare i pomodorini per non oltre 5 minuti in acqua calda, poi scolateli con una schiumarola su un piatto di portata.
Una volta tiepidi, eliminate la buccia partendo dalle incisioni che avete praticato in precedenza.

4

Se avete un mortaio cominciate a pestare le mandorle che avrete tostato nel frattempo, altrimenti unite le mandorle nel boccale di un tritatutto elettrico.
Mano a mano che procedete aggiungete anche l'Extra Vergine di Oliva, il sale, l'aglio, il basilico e i pomodori.
Insaporite il tutto con il pecorino.

5

Se state utilizzando il mortaio, continuate a pestare con un movimento rotatorio fin quando non avrete una crema omogenea.
Fate lo stesso con il tritatutto e se non volete far ossidare le foglie del basilico, mentre tritate, aggiungete un cubetto di ghiaccio.

Aggiustate il pesto trapanese di sale e pepe e se gradite, spezzettate altre foglie di basilico. Lasciate riposare il pesto per un paio di ore, in frigo.

6

Trascorso il tempo necessario cuocete la pasta rispettando i tempi di cottura riportati sulla confezione.
Scolate la pasta e riportatela in pentola, condite con il pesto e aggiungete ancora un filo di Extra Vergine di Oliva.
Mescolate il tutto e servite la pasta alla trapanese decorando il piatto con altro basilico.
Buon appetito!

Ingredients

Ingredienti per 4 persone:
 400 g di Elicoidali Le Gemme del Vesuvio
 350 g di pomodorini dolci
 1 spicchio d'aglio (anche di più se gradite)
 80 g di mandorle
 un abbondante cucchiaio di pecorino grattugiato
 4 cucchiai di Extra Vergine di Oliva
 sale e pepe q.b.
 basilico fresco a volontà
Procedimento:

Directions

1

2

3

Dopo aver sciacquato i pomodorini, incidete il fondo a croce, in modo che sarà più facile eliminare la buccia. Fate sbollentare i pomodorini per non oltre 5 minuti in acqua calda, poi scolateli con una schiumarola su un piatto di portata.
Una volta tiepidi, eliminate la buccia partendo dalle incisioni che avete praticato in precedenza.

4

Se avete un mortaio cominciate a pestare le mandorle che avrete tostato nel frattempo, altrimenti unite le mandorle nel boccale di un tritatutto elettrico.
Mano a mano che procedete aggiungete anche l'Extra Vergine di Oliva, il sale, l'aglio, il basilico e i pomodori.
Insaporite il tutto con il pecorino.

5

Se state utilizzando il mortaio, continuate a pestare con un movimento rotatorio fin quando non avrete una crema omogenea.
Fate lo stesso con il tritatutto e se non volete far ossidare le foglie del basilico, mentre tritate, aggiungete un cubetto di ghiaccio.

Aggiustate il pesto trapanese di sale e pepe e se gradite, spezzettate altre foglie di basilico. Lasciate riposare il pesto per un paio di ore, in frigo.

6

Trascorso il tempo necessario cuocete la pasta rispettando i tempi di cottura riportati sulla confezione.
Scolate la pasta e riportatela in pentola, condite con il pesto e aggiungete ancora un filo di Extra Vergine di Oliva.
Mescolate il tutto e servite la pasta alla trapanese decorando il piatto con altro basilico.
Buon appetito!

Pasta alla trapanese
1
(Visited 75 times, 1 visits today)

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *