Calamari ripieni di scarole

I calamari ripieni di scarole sono un secondo piatti di mare squisito e perfetto da portare in tavola quando avete ospiti. Qualche tempo fa ho mangiato, in uno dei ristorantini alle pendici di Monte di Procida, la minestra maritata di mare, con scarole e calamari. Mi era piaciuta tantissimo e mi sono sempre detta che, prima o poi, l’avrei rifatta. L’abbinamento mi era particolarmente piaciuto ma, è solo dopo aver letto le ricette presenti nel libro “Procida – Gente, Culture e Cucina, che mi sono decisa a provare. La ricetta da cui sono partita è dello Chef Carlo Ascione che propone, al contrario della minestra, il calamaro di lenza ripieno di scarole e provola alla partenopea. Ho comprato quindi dei bei calamari freschi da Salatiello, la mia pescheria di fiducia dove, mi basta scegliere e loro puliscono perfettamente tutti i pesci che mi occorrono. Ho poi cambiato qualcosa nell’esecuzione della ricetta e degli ingredienti, così da dare un mio tocco personale alla ricetta anche perché, per scoprire la ricetta originale e tante altre cose fantastiche su Procida, prima di visitarla di persona, potete acquistare e regalare il libro edito da Anna Russolillo di Villaggio Letterario e curato anche da Rosario Mattera di Malazè. I calamari ripieni di scarole sono perfetti anche da proporre per la cena della Vigilia, a casa mia li hanno già prenotati 😉

AuthorVirginia FamiliariCategoryDifficultyIntermediate

Yields1 Serving
Prep Time1 hrCook Time20 minsTotal Time1 hr 20 mins

Ingredienti per 4 persone:
 800 g di calamari freschi
 un cespo grande di scarola liscia (io ci ho messo anche qualche ciuffo di scarola riccia)
 2 filetti di acciughe sott'olio
 2 spicchi d'aglio
 70 g di olive nere private del loro nocciolo
 6 cucchiai di Extra Vergine di Oliva
 30 g di pinoli tostati
 50 g di gherigli di noci
 mezzo bicchiere di vino bianco
 una manciata di datterini dolci
 2 patate medie
 una noce di burro
 un limone biologico profumatissimo
 erbe aromatiche a piacere
 sale pepe nero q.b.

1

2

Dopo aver pulito bene le scarole, lavatele e asciugatele il più possibile.
Tenete da parte le scarole e lavate anche i calamari già puliti internamente. Abbiate cura di tagliare anche le alette posteriori e di tirare via tutta la pelle.
Tagliate i tentacoli e le alette in pezzetti piccoli che andrete a soffriggere in padella ampia e antiaderente con uno spicchio d'aglio schiacciato e erbe aromatiche.

3

Sfumate il tutto con il vino bianco e poi aggiungete le acciughe e mescolate bene.
Quando le acciughe saranno sciolte aggiungete le foglie di scarole tagliate finemente, i pinoli tostati in precedenza, le noci e le olive.
Aggiustate di sale e pepe, mescolate e fate cuocere su fiamma media per una decina di minuti o fin quando non si sarà asciugata l'eventuale acqua rilasciata dalle scarole.

4

Se il composto non dovesse risultare compatto, aggiungete un pizzico di pangrattato.
Adagiate i calamari ben sciacquati su un piatto ampio, dividete il composto di scarole nelle quantità sufficiente per riempire i calamari e, aiutandovi con un cucchiaino, li farcite.
Non li riempite fino al bordo o si romperanno in cottura.
Richiudete i calamari aiutandovi con gli stuzzicadenti.

5

In un tegame ampio e dai bordi bordi bassi fate soffriggere l'aglio schiacciato due cucchiai di Extra Vergine e alcuni steli di prezzemolo.
Quando l'aglio sarà dorato lo eliminate e aggiungente i calamari.
Sfumate con il resto del vino bianco, aggiungete una manciata di datterini dolci tagliati a metà e condite con un pizzico di sale.
Coprite con il coperchio e fate cuocere per 15 minuti (20 al massimo) a seconda della grandezza dei calamari.

6

Se li girate, fatelo delicatamente senza bucarli con i rebbi della forchetta.
Nel frattempo pelate le patate, tagliatele a tocchetti piccoli e fatele sbollentare.
Una volta cotte frullate il tutto con una noce di burro.
Otterrete una crema liscia e vellutata che andrete ad aggiustare di sale e pepe e profumerete con della buccia di limone biologico freschissimo.

7

Una volta pronti i calamari, poggiateli su un piatto di portata per pochi minuti e poi li tagliate a rondelle.
Serviteli con la crema di patate profumata a limone e date un tocco di colore con i pomodorini.
Servite subito e buon appetito!

Ingredients

Ingredienti per 4 persone:
 800 g di calamari freschi
 un cespo grande di scarola liscia (io ci ho messo anche qualche ciuffo di scarola riccia)
 2 filetti di acciughe sott'olio
 2 spicchi d'aglio
 70 g di olive nere private del loro nocciolo
 6 cucchiai di Extra Vergine di Oliva
 30 g di pinoli tostati
 50 g di gherigli di noci
 mezzo bicchiere di vino bianco
 una manciata di datterini dolci
 2 patate medie
 una noce di burro
 un limone biologico profumatissimo
 erbe aromatiche a piacere
 sale pepe nero q.b.

Directions

1

2

Dopo aver pulito bene le scarole, lavatele e asciugatele il più possibile.
Tenete da parte le scarole e lavate anche i calamari già puliti internamente. Abbiate cura di tagliare anche le alette posteriori e di tirare via tutta la pelle.
Tagliate i tentacoli e le alette in pezzetti piccoli che andrete a soffriggere in padella ampia e antiaderente con uno spicchio d'aglio schiacciato e erbe aromatiche.

3

Sfumate il tutto con il vino bianco e poi aggiungete le acciughe e mescolate bene.
Quando le acciughe saranno sciolte aggiungete le foglie di scarole tagliate finemente, i pinoli tostati in precedenza, le noci e le olive.
Aggiustate di sale e pepe, mescolate e fate cuocere su fiamma media per una decina di minuti o fin quando non si sarà asciugata l'eventuale acqua rilasciata dalle scarole.

4

Se il composto non dovesse risultare compatto, aggiungete un pizzico di pangrattato.
Adagiate i calamari ben sciacquati su un piatto ampio, dividete il composto di scarole nelle quantità sufficiente per riempire i calamari e, aiutandovi con un cucchiaino, li farcite.
Non li riempite fino al bordo o si romperanno in cottura.
Richiudete i calamari aiutandovi con gli stuzzicadenti.

5

In un tegame ampio e dai bordi bordi bassi fate soffriggere l'aglio schiacciato due cucchiai di Extra Vergine e alcuni steli di prezzemolo.
Quando l'aglio sarà dorato lo eliminate e aggiungente i calamari.
Sfumate con il resto del vino bianco, aggiungete una manciata di datterini dolci tagliati a metà e condite con un pizzico di sale.
Coprite con il coperchio e fate cuocere per 15 minuti (20 al massimo) a seconda della grandezza dei calamari.

6

Se li girate, fatelo delicatamente senza bucarli con i rebbi della forchetta.
Nel frattempo pelate le patate, tagliatele a tocchetti piccoli e fatele sbollentare.
Una volta cotte frullate il tutto con una noce di burro.
Otterrete una crema liscia e vellutata che andrete ad aggiustare di sale e pepe e profumerete con della buccia di limone biologico freschissimo.

7

Una volta pronti i calamari, poggiateli su un piatto di portata per pochi minuti e poi li tagliate a rondelle.
Serviteli con la crema di patate profumata a limone e date un tocco di colore con i pomodorini.
Servite subito e buon appetito!

Calamari ripieni di scarole
0
(Visited 202 times, 1 visits today)

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *