Spaghetti alla pescatora povera

Gli spaghetti alla pescatora povera sono un primo piatto tipico dell’isola di Procida. Alici fresche, peperoncini verdi e pomodorini sono il condimento di questo primo piatto che, tutto è, meno che povero. Anzi, per il perfetto equilibrio di proteine, carboidrati, fibre e sali minerali rende questo, un ottimo piatto unico, perfettamente in linea con i precetti della dieta Mediterranea. Procida, isola incantevole a soli cinque minuti di navigazione da Monte di Procida (casa mia), sarà protagonista assoluta della cultura, in Italia, a partire dal 2022 ma, senza troppi giri di parole, per la sua storia antica e le sue tradizioni ancestrali, Procida, capitale italiana della Cultura, lo è praticamente da sempre. Dal punto di vista gastronomico, Procida è una miniera di prelibatezze. Antiche tecniche di coltivazione e una lunghissima tradizione marinara, assicurano da sempre una cucina varia nei sapori, nei colori e nei profumi e questo, stagione dopo stagione. Gli spaghetti alla pescatora povera ne sono la conferma. Ho assaggiato questo primo piatto in uno dei ristorantini del porto, pochi giorni fa. Mi è venuta voglia di provare a rifarli a casa e questo è il risultato. Mi sono fatta raccontare la ricetta e ne ho lette molte versioni anche online. Molti usano terminare il piatto con del pecorino romano, giusto una manciata. Avevo dei dubbi in merito e mi sono rivolta a Rosario Mattera di Malazè, coautore del libro “Procida. Gente, culture e cucina“. Questa è la versione che più preferisco e che, a casa mia, aspettano sempre con trepidazione. Di questa ricetta sono particolarmente orgogliosa perché l’ho preparata con i peperoncini friggitelli e i pomodorini del mio orto flegreo, e poi perché ho utilizzato un’altra eccellenza campana, gli SPAGHETTI ALLA CHITARRA LE GEMME DEL VESUVIO del Pastificio Grania Srl. Come scrivo sempre, questi spaghetti sono lunghi lunghi e ruvidi ruvidi, tengono la cottura e assorbono tutto il condimento! In pratica sono perfetti per il sugo alla pescatora povera. Il piatto che ho utilizzato per la fotografia viene da Ischia, dal forno dei fratelli Cianciarelli. Ma insomma, si capisce che amo profondamente la mia terra?! 😉 Godetevi la ricetta!

AuthorVirginia FamiliariCategoryDifficultyBeginner

Yields1 Serving
Prep Time10 minsCook Time15 minsTotal Time25 mins

Ingredienti per 4 persone:
 350 g di Spaghetti alla Chitarra Le Gemme del Vesuvio
 400 g di alici fresche
 300 g di peperoncini verdi friggitelli
 una decina di pomodorini dolci
 4 cucchiai di Extra Vergine di Oliva
 peperoncino q.b.
 1 spicchio d'aglio

1

Pulite le alici partendo dalla testa. Tirandola verranno via anche le interiora.
Aprite le alici a libro fino ad arrivare alla coda e, aiutandovi con il pollice, tirate via anche la lisca.
Sciacquate bene le alici, una per una, sotto il getto dell'acqua.
Sistematele su un canovaccio pulito così perderanno l'acqua in eccesso.

2

Pulite anche i peperoni friggitelli tagliando la calotta con il picciolo.
Con la punta di un coltello incidete la parte bianca interna, con i semi, e asportatela.
Sciacquate i friggitelli sotto il getto dell'acqua per eliminare eventuali altri semi.
Tamponate i friggitelli e tagliateli a rondelle, poi tenete momentaneamente da parte.

3

Tagliate i pomodorini a metà.
In una padella ampia fate soffriggere l'aglio in camicia con il peperoncino. Quando l'aglio avrà rilasciato tutto il suo aroma, lo eliminate e aggiungete i friggitelli tagliati in precedenza.
Fate cuocere i friggitelli su fiamma vivace per un paio di minuti, aggiustate di sale e mescolate.
Abbassate la fiamma e unite anche i pomodorini.
Fate cuocere così per non oltre una decina di minuti.
Durante l'ultimo minuto di cottura unite le alici a filetti o tagliate a pezzetti, mescolate e togliete la padella dal fuoco.
In questo modo le carne delle alici non verrà stressata dall'eccessivo calore.

4

Nel frattempo cuocete anche gli spaghetti al dente seguendo le istruzioni riportate sulla confezione.
Scolate la pasta direttamente nella padella col sugo di alici e peperoncini friggitelli che avrete riportato velocemente sul fuoco.
Mescolate per far amalgamare tutti gli ingredienti e, se occorre, unite un po' di acqua di cottura della pasta.
Servite gli spaghetti alla pescatora povera ben caldi e buon appetito!

Ingredients

Ingredienti per 4 persone:
 350 g di Spaghetti alla Chitarra Le Gemme del Vesuvio
 400 g di alici fresche
 300 g di peperoncini verdi friggitelli
 una decina di pomodorini dolci
 4 cucchiai di Extra Vergine di Oliva
 peperoncino q.b.
 1 spicchio d'aglio

Directions

1

Pulite le alici partendo dalla testa. Tirandola verranno via anche le interiora.
Aprite le alici a libro fino ad arrivare alla coda e, aiutandovi con il pollice, tirate via anche la lisca.
Sciacquate bene le alici, una per una, sotto il getto dell'acqua.
Sistematele su un canovaccio pulito così perderanno l'acqua in eccesso.

2

Pulite anche i peperoni friggitelli tagliando la calotta con il picciolo.
Con la punta di un coltello incidete la parte bianca interna, con i semi, e asportatela.
Sciacquate i friggitelli sotto il getto dell'acqua per eliminare eventuali altri semi.
Tamponate i friggitelli e tagliateli a rondelle, poi tenete momentaneamente da parte.

3

Tagliate i pomodorini a metà.
In una padella ampia fate soffriggere l'aglio in camicia con il peperoncino. Quando l'aglio avrà rilasciato tutto il suo aroma, lo eliminate e aggiungete i friggitelli tagliati in precedenza.
Fate cuocere i friggitelli su fiamma vivace per un paio di minuti, aggiustate di sale e mescolate.
Abbassate la fiamma e unite anche i pomodorini.
Fate cuocere così per non oltre una decina di minuti.
Durante l'ultimo minuto di cottura unite le alici a filetti o tagliate a pezzetti, mescolate e togliete la padella dal fuoco.
In questo modo le carne delle alici non verrà stressata dall'eccessivo calore.

4

Nel frattempo cuocete anche gli spaghetti al dente seguendo le istruzioni riportate sulla confezione.
Scolate la pasta direttamente nella padella col sugo di alici e peperoncini friggitelli che avrete riportato velocemente sul fuoco.
Mescolate per far amalgamare tutti gli ingredienti e, se occorre, unite un po' di acqua di cottura della pasta.
Servite gli spaghetti alla pescatora povera ben caldi e buon appetito!

Spaghetti alla pescatora povera
1
(Visited 70 times, 1 visits today)

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *